Storie di Rugby

10 / 10 / 2019
413

CONOR O’SHEA: “Allenare con la gioia di un bambino è la mia filosofia”

Quando hai una forte passione per uno sport e lo rendi parte integrante della tua vita, hai la fortuna di provare delle emozioni sincere, pure, trasmesse da piccoli dettagli che solo quello sport può regalarti. Questo è ciò che prova il Commissario Tecnico della Nazionale Italiana di Rugby, Conor O’Shea, un uomo che vive per la palla ovale con amore e dedizione, sia in caso di vittoria che di sconfitta, con la sola prerogativa di allenare atleti che “quotidianamente hanno la volontà di dare tutti loro stessi per migliorarsi”.

Dopo una brillante carriera da giocatore, dal 2001 O’Shea allena nel mondo del rugby. Nel mese di luglio del 2016 l’allenatore irlandese ha firmato un contratto con la Federazione Italiana Rugby e, da quel momento, siede sulla panchina della Nazionale condividendo e trasmettendo la sua filosofia ai ragazzi che allena, stima e con i quali “sorride sempre, dentro e fuori dal campo”

La prima immagine che si associa alla parola emozione nello sport è, probabilmente, quella di un successo, quella di una squadra che esulta con un trofeo alzato al cielo. Eppure, a questa domanda Conor ci sorprende: “Sarebbe più facile dire che l’emozione più grande con l’Italia per me è stata la vittoria contro il Sudafrica, ma la verità è che tutti i giorni mi emoziono nel vedere questo gruppo di ragazzi che ha sempre la volontà di dare il massimo per migliorarsi”. È questo il successo più grande: investire dedizione e cura in un progetto e contribuire alla sua crescita nel tempo, vivendolo ogni giorno con stupore e determinazione, affinché questo si riveli vincente dentro e fuori dal rettangolo di gioco.

In questa intervista l’allenatore della Nazionale Italiana lascia da parte i risultati del campo, la tattica e i gesti tecnici per presentarci il Conor O’Shea uomo, figlio, fratello e marito, rendendoci partecipi di una passione fortissima, per lo sport che per la famiglia.

Guarda il video completo dell’intervista.