Storie di Rugby

09 / 08 / 2019
518

Cos’è la meta nel rugby? Ce lo spiega Sara Barattin, ex capitano della Nazionale di rugby femminile

Sara Barattin, mediano di mischia del Villorba e pilastro della Nazionale femminile italiana di rugby, ci racconta la meta, il momento più emozionante di un match. Il concetto che sta dietro alla meta si è evoluto negli anni: in passato segnare una meta non assegnava dei punti, ma concedeva alla squadra che aveva portato il pallone al di là della linea di meta avversaria un calcio tra i pali. Da qui, infatti, è derivato il termine inglese “try”, letteralmente “tentativo”, ovvero l’occasione di ottenere il calcio tra i pali. Oggi, come spiega Sara Barattin, la meta prevede i 5 punti più i 2 del calcio piazzato, in cui la palla deve superare le H, le aste poste ai lati del campo.

Guarda il video completo.